Sulla strada principale, poco prima di arrivare al primo dei 48 tornanti che portano al Passo dello Stelvio dal versante dell'Alto Adige, si incontra il Museo all'aperto di Lorenz Kuntner.

Ferdinand Cheval, nato nel 1836 a Châteauneuf-de-Galaure, un paesino del dipartimento francese di Drôme, è meglio conosciuto come facteur Cheval (postino Cheval). Questo era infatti il lavoro che svolse per tutta la vita a Hauterives, distante circa una dozzina di chilometri dal suo paese natale.

Jean Dubuffet, “inventore” del termine Art Brut, ha concepito la Closerie Falbala, a pochi chilometri da Parigi, uno spazio laboratorio/atelier di oltre 1600 mq. dove sono conservate le sue opere monumentali, oggi salvaguardato dalla Fondazione che porta il suo nome.

Atmosfera d'altri tempi con oltre cento suonatori di organetti meccanici, provenienti da dieci nazioni d’Europa, che si danno appuntamento ogni due anni lungo le vie del centro storico di Longiano, nell'entroterra di Cesena. Musicisti di strada che, in perfetti costumi d'epoca, amano particolarmente farsi ritrarre.

L’artista francese Niki de Saint Phalle ha dedicato oltre vent’anni della sua vita alla costruzione del Giardino dei Tarocchi che si estende per oltre 2 ettari nella Maremma toscana.

Un grande visionario, il Principe Vicino Orsini che a metà del ‘500 affidò la costruzione dello strabiliante Giardino di Bomarzo all’architetto Pirro Ligorio per ricordare la amatissima moglie deceduta.

L’architetto e designer Tomaso Buzzi, tra i fondatori della rivista Domus, per molti anni direttore artistico per la Venini di Venezia e docente al Politecnico di Milano, ha trasformato un convento francescano vicino a Orvieto nella cittadella utopica conosciuta come La Scarzuola.

Bruno Weber, eclettico artista svizzero, ha costruito nell'arco di oltre trent'anni questo Parco delle sculture a Dietikon, un anonimo paesino nei pressi di Zurigo. Il Parco, esteso per circa 20.000 mq, è suddiviso in tre aree distinte, Forest Garden, Love Garden e Water garden ed è costantemente un "work in progress".

Devo confessare che prima di arrivare a Mont Saint-Michel ero molto prevenuto pensando di trovarmi davanti un luogo ad alta densità turistica che poteva ricordare San Marino, quindi un luogo artefatto ricostruito ad arte per soddisfare le esigenze del viaggiatore "mordi e fuggi".

Originariamente era una passerella costruita dagli inglesi nella seconda metà del XVIII secolo che divideva il mare dalle case, poi è diventata la Promenade, un luogo di incontro e di svago per i cittadini di Nizza e per tutti coloro che arrivano in città.

Il borgo dista una trentina di chilometri da Tarnow in un'area agricola e sperduta del sud-est della Polonia. Da oltre un secolo, da quando la pittrice Felicja Curylowa (1904-1974) si insediò in questa zona, tutte le case, i granai, i pozzi, i mobili, sono decorati con motivi floreali.

Holašovice è un villaggio rurale situato nella Boemia meridionale (Repubblica Ceca), costruito circa tra il 1840 e il 1890, considerato un tipico esempio di barocco popolare. È composto solo da 23 case-fattoria che affacciano, con i loro frontoni decorati vivacemente, su una enorme piazza con uno stagno e una chiesetta.